5C E 5B IN VISITA ALLA FOIBA DI BASOVIZZA E ALLA RISIERA DI SAN SABA

Il 28 novembre scorso in una mattinata piuttosto fredda noi ragazzi, accompagnati dalle docenti Mavis Bottos, Paola Zanni e Sonja Pin, abbiamo visitato due importanti luoghi della memoria del Primo Novecento : la Foiba di Basovizza e la Risiera di S. Saba .

Nel primo caso si tratta di un monumento in metallo ubicato in una radura del carso triestino che ricopre la foiba , pozzo minerario in cui venivano gettati i corpi di persone che, a conclusione della Seconda guerra mondiale, erano considerate pericolose dal regime del maresciallo iugoslavo Josip Broz (Tito) .

Successivamente ci siamo spostati in città alla Risiera di Saba, unico forno crematorio presente nel territorio italiano. Davvero impressionante calcare quel suolo 70 anni dopo la Shoah e vedere la collocazione del forno crematorio, della cella della morte e di mini celle dove venivano stipati gli ebrei e non solo.

Avvincente la spiegazione della guida che, attraverso le testimonianze dei sopravvissuti, ha calamitato l’attenzione di noi ragazzi ed ha poi sottolineato come quel luogo così freddo e inospitale susciti disagio nel visitatore proprio per indurlo a non dimenticare i drammi del recente passato. Esigenza questa che, visti i tempi in cui viviamo, va coltivata a partire  dalla scuola luogo preposto alla formazione  delle giovani generazioni.


Pubblicata il 17 dicembre 2017

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più consulta l’informativa estesa sui cookie. Proseguendo la navigazione, acconsenti all’uso dei cookie.