:title:

Criteri per l'attribuzione del credito scolastico

Il credito scolastico era attribuito in base alla tabella di seguito riportata(D.M. n. 99 16. 12. 2009), ora vista la modifica dei crediti, si applicano le nuove tabelle e per gli studenti delle classi 4^ e 5^ i crediti conseguiti verranno convertiti secondo le tabelle sotto riportate:

Regime transitorio

Candidati che sostengono l’esame nell’a.s. 2017/2018:

Tabella di conversione del credito conseguito nel III e nel IV anno:

SOMMA DEI CREDITI CONSEGUITI
PER III E IV ANNO
NUOVO CREDITO ATTRIBUITO
PER IL III E IV ANNO (TOTALE
6 15
7 16
8 17
9 18
10 19
11 20
12 21
13 22
14 23
15 24
16 25

 

Candidati che sostengono l’esame nell’a.s. 2018/2019:

Tabella di conversione del credito conseguito nel III anno:

CREDITO CONSEGUITO
PER IL III ANNO 
NUOVO CREDITO ATTRIBUITO
PER IL III ANNO
3 7
4 8
5 9
6 10
7 11
8 12

 

 

II Consiglio di Classe, per ogni allievo, determinata la media (M) dei voti conseguiti in sede di scrutinio finale, individua la "banda di oscillazione" all’interno della quale scegliere il numero da definire come credito scolastico.

Il Consiglio di Classe tiene conto, in via prioritaria, dei decimali del numero che esprime la media effettiva dei voti, per scegliere in questa maniera il punteggio minimo o massimo previsto dalla banda: sceglierà quello minimo se i decimali espressi dalla media sono minori a 5 o quello massimo se i decimali sono maggiori o uguali a 5.

Per gli allievi che hanno superato la media dell'otto viene attribuito il punteggio massimo.

Nel determinare il numero esatto del credito scolastico, ad integrazione dei criteri sopra riferiti, il Consiglio di Classe terrà conto anche di altri elementi: dell’assiduità della frequenza, dell’interesse, della partecipazione alla vita scolastica e alle attività integrative oltre che dei crediti formativi. Questi elementi potranno consentire l’attribuzione del punteggio massimo all’interno della banda di oscillazione definita dalla media (M).

Per gli studenti che hanno ottenuto la promozione nello scrutinio differito verrà comunque assegnato il punteggio minimo della banda di oscillazione in cui ricade la media conseguita.

Per gli studenti del quinto anno che abbiano ottenuto l’ammissione a maggioranza all’esame di Stato verrà comunque assegnato il punteggio minimo della banda.

Per gli studenti del quinto anno verrà valutata la possibilità di integrazione del punteggio in base a quanto previsto dal comma 4 art.11, DPR 323 del 23.07.1998.

Vengono di seguito specificati gli elementi che ciascun Consiglio di Classe potrà considerare ai fini dell’attribuzione del credito scolastico in aggiunta alla media dei voti:

• assiduità della frequenza scolastica, interesse e impegno nella partecipazione al dialogo educativo:

• attività di approfondimento delle materie curriculari di ambito tecnico professionale

• attività di approfondimento delle attività formative (area letteraria o area scientifica)

• partecipazione alle attività degli Organi Collegiali in qualità di rappresentante

• partecipazione alle giornate di Scuola Aperta e di incontro con gli alunni di terza media

• crediti formativi documentati di seguito elencati:

• esperienze di attività lavorative e stage purché coerenti con l’indirizzo di studio e certificate;

• periodo significativo di studio all’estero, con certificazione convalidata dal consolato;

• frequenza di un istituto musicale statale o legalmente riconosciuto;

• altri diplomi di studio, esempio Conservatorio;

• frequenza di corsi organizzati dalla scuola e/o da enti statali/regionali/provinciali/comunali con attestato di frequenza (CAD, preparazione all’ECDL, Inglese);

• certificazioni CAD, ECDL, PET, ecc.;

• attività di volontariato: volontario C.R.I.; donatore A.V.I.S.; Protezione Civile, attività di assistenza agli anziani o portatori di handicap; purché certificati da enti autorizzati a rilasciare attestati;

• attività associativa con frequenza documentata;

• attività sportiva: atleta tesserato; arbitro tesserato; istruttore tesserato; partecipazione ad attività sportive a livello regionale e nazionale.

“Il credito formativo consiste in ogni qualificata esperienza, debitamente documentata, dalla quale derivino competenze coerenti con il tipo di corso cui si riferisce l’esame di Stato; la coerenza (…) può essere individuata nell’omogeneità con i contenuti tematici del corso, nel loro approfondimento, nel loro ampliamento, nella loro concreta attuazione”(D.P.R. 323/98 art.12 comma 1)

“Le esperienze che danno luogo all’acquisizione dei crediti formativi, di cui all’art.12 del Regolamento citato in premessa, sono acquisite al di fuori della scuola di appartenenza, in ambiti e settori della società civile legati alla formazione della persona e alla crescita umana, civile e culturale quale quelli relativi, in particolare, alle attività culturali, artistiche e ricreative, alla formazione professionale, al lavoro, all’ambiente, al volontariato, alla solidarietà, alla cooperazione, allo sport.” (D.M. 49/2000 art. 1 comma 1).

 


Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più consulta l’informativa estesa sui cookie. Proseguendo la navigazione, acconsenti all’uso dei cookie.